Uscire dalle logiche dell’emergenza, costruire percorsi condivisi tra Amministrazione, cittadini e Terzo Settore, fare tesoro delle esperienze e di quanto appreso in questi anni. É con questo spirito che 20 Comuni italiani si sono alleati per presentare ad Anci, rappresentata nella persona di  Matteo Biffoni, Sindaco di Prato e delegato all’Immigrazione dell’associazione dei Comuni una proposta ufficiale di inserimento dell’Accoglienza in Famiglia nelle politiche strutturali dell’accoglienza. 

Il 26 novembre a Padova 20 comuni provenienti da tutta Italia hanno sottoscritto un Memorandum che li impegna a costituire una rete finalizzata a promuovere l’accoglienza in famiglia, già realtà in molti Comuni del Paese, come una possibilità strutturale dell’accoglienza, in modo tale da inserirla  nelle norme che regolano il sistema italiano.

Hanno partecipato i Comuni di grandi dimensioni ma anche aggregati di piccoli enti locali: Roma Capitale, Milano, Bari, Napoli, Bologna, Verona, Rovigo, il Coordinamento provinciale dei progetti SAI della provincia di Brescia, la rete dei Comuni dell’alto vicentino e poi Moncalieri (RO), Montecassino(RO), Due Carrare(PD), Este (PD) e molti altri (lista sotto)

Alla firma era presente anche il sindaco di Prato Biffoni, delegato all’Immigrazione dell’Associazione dei Comuni. Biffoni avvalora l’iniziativa e preannuncia un suo sviluppo futuro: la proposta sarà infatti portata in discussione nell’ambito dell’associazione nazionale dei Comuni per essere approfondita e portata a valore tecnico. Successivamente sarà cura del Ministero degli Interni dare un proprio parere.

L’iniziativa si è svolta nell’ambito del Convegno Le città accoglienti, realizzato a conclusione del progetto europeo Embracin‘ che ha permesso alla città di sperimentare l’accoglienza in famiglia sul modello di Antonio Calò, cittadino europeo dell’anno 2019. Il progetto è stato condotto in partenariato con Welcome Refugees Italia. Al Convegno hanno partecipato: ANCI nazionale, l’Università degli Studi di Padova, Welcome refugees Italia, UNHCR, Comunità di sant’Egidio, Forum del Terzo Settore.





Condividi: