fbpx Skip to content

A Ravenna nasce l’Albo delle Famiglie Accoglienti

Da pratica di innovazione sociale già sperimentata in diverse città italiane a politica di welfare territoriale. Da esperienza di attivismo civico a strumento di inclusione aperto a rifugiati, ma anche ad altre persone vulnerabili che vivono nelle nostre comunità.

 Il “viaggio” dell’accoglienza in famiglia così come disegnata, progettata e promossa da Refugees Welcome Italia Onlus in questi 5 anni raggiunge un importante traguardo, con l’approvazione e la presentazione da parte del Comune di Ravenna dell’Albo delle Famiglie accoglienti, uno strumento per includere e sostenere minori, ragazzi, ragazze, adulti e anziani attraverso la mobilitazione della società civile verso chi vive fragilità e difficoltà. L’iniziativa è nata all’interno del progetto FAMI “Dalle esperienze al modello: l’accoglienza in famiglia come percorso di integrazione” di cui è capofila l’associazione Refugees Welcome Italia Onlus e partner il Comune di Ravenna con il servizio Immigrazione (oltre ai Comuni di Bari, Palermo, Roma, Macerata e l’Università Tor Vergata di Roma) 

Da mercoledì 10 marzo, chi desidera dare la propria disponibilità ad accogliere o a diventare volontario, può presentare la sua candidatura attraverso la piattaforma famiglieaccoglienti.comune.ra.it.

L’Albo è composto da tre sezioni: minori, al fine di promuovere lo strumento dell’affido familiare nelle sue differenti declinazioni (residenziale, diurno, sostegno familiare); adulti (persone in condizioni di fragilità, studenti, neo-maggiorenni, rifugiati, titolari di protezione, anche usciti dal sistema di accoglienza, anziani, etc.) al fine di promuovere gli strumenti dell’ospitalità in famiglia e del mentore; attivista, al fine di creare una rete di cittadini volontari a supporto delle azioni inerenti e complementari l’istituzione dell’Albo.

Un risultato che è passato, e passa, attraverso la capacità del Comune, di concerto con gli attori del privato sociale del territorio (in particolare, oltre a RWI, l’Associazione Agevolando e la cooperativa sociale Cidas con cui il Comune ha siglato un protocollo di collaborazione per costruire una cornice di interventi di sistema) di innovare metodi di lavoro, approcci e modelli di collaborazione e che si caratterizza per tre aspetti distinti ma complementari: 

  1. Innovazione amministrativa attraverso la definizione di uno strumento ad hoc, il primo in Italia, per accogliere, profilare e abbinare cittadini attivi che danno disponibilità ad accogliere con persone che vivono in situazioni di vulnerabilità e fragilità. 
  2. Innovazione tecnologica, attraverso il design e la realizzazione di una piattaforma digitale capace di aggregare i bisogni e risorse territoriali.
  3. Innovazione culturale che mette a sistema le risorse della cittadinanza attiva con la dotazione professionale dei Servizi e degli enti del privato sociale e ridefinisce il ruolo degli Enti pubblici da erogatori tout court di servizi a quello di facilitatori di relazioni e connessioni.

Articoli recenti

Iscriviti alla newsletter

per rimanere aggiornato su attività, progetti, eventi.

Offri Aiuto

Offri ospitalità

Offri ospitalità

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur adipiscing elit dolor Lorem ipsum dolor sit amet consectetur adipiscing elit dolor
Scopri di più

Diventa mentore

Diventa mentore

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur adipiscing elit dolor Lorem ipsum dolor sit amet consectetur adipiscing elit dolor
Scopri di più

Diventa attivista

Diventa attivista

Lorem ipsum dolor sit amet consectetur adipiscing elit dolor Lorem ipsum dolor sit amet consectetur adipiscing elit dolor
Scopri di più